” Con queste mie reinterpretazioni ho voluto celebrare la grazia femminile riconducendola ad una raffinatezza ed a un fascino che penso che ogni donna abbia dentro di sé. Di queste antiche figure mi ha colpito la loro eleganza ed una seduzione fatta di sguardi, gesti e costumi che lasciano intravedere poco il corpo ma creano molto mistero. Queste donne, che quasi mai hanno scelto di essere cortigiane, imprigionate nella mentalità del loro tempo, hanno comunque cercato di riscattarsi con le loro arti diventando modelli estetici irraggiungibili e icone del loro periodo storico. Sono state molto celebrate dai pittori dell’epoca che le hanno ritratte e sono arrivate fino a noi intatte nella loro magica bellezza. Riproponendo queste cortigiane, più moderne di quelle di un tempo, è come aver dato loro la possibilità di vivere una nuova vita, finalmente libere per sé stesse e non solo per soddisfare altri. “

© Michela Donelli

 

Puoi trovare alcune delle mie opere nella sezione “Arte e Cultura” (clicca qui).